Luca De Filippo

Luca De Filippo nasce a Roma il 3 giugno del 1948, figlio di Eduardo e della cantante e attrice piemontese Enrichetta Thea Prandi. La sua carriera comincia nel 1955, quando è Peppenielloin Miseria e nobiltà, di Eduardo Scarpetta, diretto da Eduardo De Filippo e trasmessa in Tv dal Teatro Odeon di Milano. Da quel momento, come ricorderà lui stesso, il padre lo farà partecipare ad alcune commedie scrivendogli brevi battute, permettendogli però di recitare solo negli spettacoli pomeridiani, evitandogli così ritardi nei compiti scolastici.  Nel 1960 muore la sorellina Luisa a cui è legatissimo, l’anno seguente perde anche la madre ammalata da tempo e che la scomparsa della figlia aveva reso ancora più fragile. A 18 anni decide di dedicarsi alla carriera di attore; in Natale in casa Cupiello interpreta, nel terzo atto, Luigi Pastorelli. Il debutto vero e proprio avviene a vent’anni, quando col nome di Luca Della Porta, è protagonista ne Il figlio di Pulcinella, con Gianni Crosio, regia di Gennaro Magliulo.

Sarà interprete di numerose commedie con la regia di Eduardo: da  Filumena Marturanonel 1968, a Il sindaco del Rione Sanità nel 1973 e nel 1979, da Gli esami non finiscono mai nel 1974 a Natale in casa Cupiello negli anni 1975-1977, al Berretto a sonagli nel 1979 e Sik-Sik l’artefice magico nel 1980.

Il 21 settembre 1974 sposa Anna Maria Spogli dalla quale avrà il primo figlio Matteo. Nel 1981 fonda la Compagnia di Teatro di Luca De Filippo, mette in scena La donna è mobiledi Vincenzo Scarpetta e ‘A furtuna di Pulcinelladi Pasquale Altavilla, entrambe con la regia di Eduardo De Filippo. Il 20 settembre 1984 nasce la società Elletrentasei che il 14 giugno 1995 diventa la Elledieffe società che produce i suoi spettacoli aprendo anche alle produzioni di giovani registi ed attori. Da quel momento Luca attore e regista si confronta con autori della tradizione e autori contemporanei: da Scarpetta a Molière a Pinter, da Pirandello a Cerami, da Beckett a Besson.Nel 1981 conosce Paola Ermenegildo sua seconda compagna e madre di Tommaso e Luisa. Nell’estate del 2000 prepara la sua prima regia lirica:La scala di setaopera buffadi Gioacchino Rossini, per il Rossini Opera Festival di Pesaro. Il sodalizio artistico con l’attrice Carolina Rosi figlia del regista Francesco Rosi iniziato negli anni Novanta, diverrà anche unione sentimentale: si sposeranno l’8 settembre 2013. In Tv è uno dei protagonisti delle commedie dedicate a Eduardo e Vincenzo Scarpetta di cui il padre è regista.

Numerose sono anche le sue apparizioni cinematografiche e televisive: è tra gli interpreti, insieme a Helmut Berger di I giovani tigri(1967), regia di Antonio Leonviola; con Carlo Giuffré, della serie televisiva diretta da Mino Guerrini  Quel negozio di piazza Navona(1969). Per la televisione lavora in Petrosenella  e  Le scene di Napoli(1982); è la volta poi della serie Naso di cane, regia di Pasquale Squitieri, con Claudia Cardinale (1985); quindi in Il ricattodi Tonino Valerii. Nel 2010 è tra i protagonisti della miniserie Mannaggia alla miseria, regia di Lina Wertmüller. A maggio del 2003 al Teatro San Carlo di Napoli va in scena Napoli Milionaria! con la regia di Francesco Rosi, a distanza di quasi sessant’anni dalla prima storica rappresentazione del 25 marzo 1945. Luca interpreta Gennaro Iovine. Nell’ottobre del 2006 Francesco Rosi mette in scena al Teatro Argentina Le Voci di dentro. Lo spettacolo, accolto con unanime favore da critica e pubblico, viene replicato per tre stagioni. Terzo allestimento della trilogia su Eduardo realizzata con la regia di Rosi è Filumena Marturano, di cui Luca è interprete con Lina Sastri.

Al cinema lavora con la Wertmüller inSabato, domenica e lunedì insieme a Sophia Loren, e con Gabriele Muccino in Come te nessuno mai; nel 2012, recita accanto a Penelope Cruz in Venuto al mondo, regia di Sergio Castellitto. Nel 2015 è il capitano della nave nel film La stoffa dei sogni, di Gianfranco Cabiddu, tratto da La tempestadi Shakespeare, nella traduzione in napoletano antico di Eduardo De Filippo. Luca De Filippo ha portato avanti l’eredità del padre non solo in teatro ma anche nell’impegno civile che lo ha contraddistinto fino alla fine con particolare attenzione verso i ragazzi a rischio e verso coloro che vivono nel carcere minorile di Nisida. Nel 2015 mette in scena Non ti pago!che sarà la sua ultima prova di attore e regista. Luca si ammala improvvisamente e muore a Roma il 27 novembre.